Dichiarazione dei redditi: come sopravvivere al 730

  • Autore: Mazzilli Santino
  • 20 nov, 2017
coppia analizza documenti fiscali

È l’incubo persino dei professionisti più ferrati e chiunque vi abbia a che fare lo vive come un qualcosa da cui liberarsi al più presto.

Inutile girarci intorno: la dichiarazione dei redditi contiene tante piccole e grandi trappole in grado di farci passare notti insonni.

Basta un documento smarrito, una fattura mancante, un contratto non redatto come si deve e il contribuente può andare incontro a danni anche ingenti.

Tuttavia, posto che nessuno può sottrarsi ai propri obblighi fiscali, non è detto che la compilazione di un modello 730 – il modello di dichiarazione dei redditi destinato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, dunque il più comune e diffuso – debba per forza essere vissuta in maniera oltremodo traumatica.

Detto che è sempre consigliabile avvalersi dell’ausilio di un professionista (commercialista o CAF), onde evitare errori piuttosto banali, esistono alcuni accorgimenti di facile applicazione per rendere tale operazione il più possibile agile e snella.

Non diventerà il vostro hobby preferito, ma almeno eviterà di farvi trascorrere notti insonni.

Censire e categorizzare i documenti

La prima cosa da fare è mettere ordine. Dunque, è consigliabile munirsi di cartelle e cartelline più piccole. Una prima scrematura potrà essere fatta in base all’anno: esistono documenti che afferiscono all’anno precedente e altri che riguardano l’anno in corso e che non potranno essere contabilizzati nella nuova dichiarazione: verranno comunque utili dopo 12 mesi.

Dopodiché, conviene separare fatture, scontrini, ricevute e altri documenti fiscali sulla base di macro-categorie di media capillarità: spese per la casa, per i figli, per i genitori a carico, per la salute, per i collaboratori domestici.

Come saprete, ciascuna di queste categorie può attivare detrazioni, modifiche dell’imponibile e altri differenziali che un buon commercialista o un CAF saprà individuare e valutare.

In ogni caso, disporre i documenti in un ordine coerente e intuibile li renderà più facilmente rintracciabili in caso di controlli fiscali.

Creare un archivio

Come per le bollette, anche la dichiarazione dei redditi dovrebbe avere un archivio su base annuale. In questo modo, lo storico della vostra vita di contribuente sarà facilmente consultabile e vi permetterà di risalire con relativa facilità all’origine di eventuali anomalie.

Ci sono alcuni, poi, che con un normale PC e uno scanner hanno imparato a creare una copia digitale di questi documenti. Decisione saggia, che previene smarrimenti, danneggiamenti o furti (anche se una copia scansionata non ha valore legale).

Recarsi dal commercialista

Recatevi presso il vostro commercialista o presso il vostro CAF di riferimento per avere una consulenza. Prima di farlo, ricordatevi di controllare che la dichiarazione sia compilata in ogni sua parte; nel caso in cui vi siano dei documenti su cui nutrite dei dubbi circa il loro effettivo inserimento della dichiarazione, portateli comunque con voi, assieme a tutto il resto della documentazione.

Questa deve essere costituita quantomeno dal CUD (Certificato Unico Dipendente), da tutte le certificazioni derivanti da eventuali lavori autonomi e dalla dichiarazione dei redditi dell’anno precedente, in modo tale da verificare se ci siano crediti o debiti d’imposta da includere nella dichiarazione dell’anno in corso.

Autore: Mazzilli Santino 20 nov, 2017

Secondo la legge attuale, il controllo degli aspetti contabili e del bilancio di una società, un’azienda o un’impresa spetta a speciali figure esterne dette revisori.

Esistono delle società di revisione dei conti specializzate e autorizzate, che possono essere interpellate a tale scopo. L’affidamento del controllo del bilancio a soggetti terzi tende a garantire il massimo livello di imparzialità per quanto riguarda la verifica dell’ottemperamento di tutti gli obblighi fiscali e finanziari dell’azienda.

Autore: Mazzilli Santino 20 nov, 2017

È l’incubo persino dei professionisti più ferrati e chiunque vi abbia a che fare lo vive come un qualcosa da cui liberarsi al più presto.

Inutile girarci intorno: la dichiarazione dei redditi contiene tante piccole e grandi trappole in grado di farci passare notti insonni.

Basta un documento smarrito, una fattura mancante, un contratto non redatto come si deve e il contribuente può andare incontro a danni anche ingenti.

Tuttavia, posto che nessuno può sottrarsi ai propri obblighi fiscali, non è detto che la compilazione di un modello 730 – il modello di dichiarazione dei redditi destinato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, dunque il più comune e diffuso – debba per forza essere vissuta in maniera oltremodo traumatica.

Detto che è sempre consigliabile avvalersi dell’ausilio di un professionista (commercialista o CAF), onde evitare errori piuttosto banali, esistono alcuni accorgimenti di facile applicazione per rendere tale operazione il più possibile agile e snella.

Non diventerà il vostro hobby preferito, ma almeno eviterà di farvi trascorrere notti insonni.

Autore: Mazzilli Santino 20 nov, 2017

Giovane, dinamica, in rapida espansione: nessun titolare – o amministratore delegato, o responsabile delle comunicazioni esterne, o ufficio stampa, a seconda dell’organigramma interno – di un’azienda di recente fondazione resiste alla tentazione di autodefinirsi con questa semplice locuzione.

Ciò che il titolare o chi per lui omette di dire è che tali definizioni nascondono delle insidie non sempre aggirabili. Non con l’agilità auspicata, almeno.

Che il mondo dell’imprenditoria non faccia alcuno sconto a chi vi si dedica con approssimazione è cosa nota.

Pertanto, a dispetto della gioventù e del dinamismo, è sempre bene studiare il terreno di gioco e pianificare con cura le giuste strategie di consolidamento, per fare in modo che l’entropia non sia ancora più rapida dell’espansione.

Share by: